Al centro della Striscia di Gaza, nella città di Deir al Balah, sorge la biblioteca Soukaina, frutto della mente e della collaborazione di un gruppo di giovani amiche palestinesi appassionate al mondo della cultura.

In quest’area dilaniata dalla violenza di una guerra senza fine tra Arabi e Israeliani, la disoccupazione ha raggiunto il suo picco massimo degli ultimi 19 anni interessando il 60% della popolazione, i libri scarseggiano e le poche scuole sul territorio non riescono ad accogliere i 430.000 adolescenti del luogo. Ecco che, in una situazione desolante come questa, la biblioteca fondata dalle giovani studentesse assume un’enorme importanza aprendo nei cuori dei gazawi un barlume di speranza e rappresentando un’alternativa al dolore e alla guerra (non a caso, Soukaina in arabo significa «pace»).

“Leggere a Gaza è ancora più importante che altrove, perché siamo tagliati fuori dal mondo. Da dove i giovani possono prendere le loro idee altrimenti? La minaccia della violenza qui non è mai lontana. Ma un libro può aprire le menti” dice Mohammed Abu Sulaiman, uno dei dipendenti che ha lavorato al progetto.

Specialmente in questa zona della Palestina i libri rappresentano infatti un bene prezioso, poichè avere accesso a fonti di conoscenza è una necessità imprescendibile per distaccarsi da una realtà troppo difficile e violenta da sostenere.

La biblioteca in questione non offre solo libri da leggere ma anche corsi scolastici al suo interno, oltre a rappresentare un punto di riferimento e di aggregazione per la comunità.
Per la grande importanza che riveste, il progetto è stato addirittura accolto con favore dall’Unicef che lo ha finanziato.

Quella delle studentesse è stata una scelta audace non solo perché esse hanno avuto il coraggio di costruire dal nulla un’impresa di grande valore culturale ma anche perchè in Palestina i pregiudizi nei confronti delle donne sono rimasti fortemente radicati.
Di conseguenza, per le fondatrici del progetto, la biblioteca Soukaina rappresenta anche un forte simbolo di emancipazione.

In conclusione, si può di certo affermare che la biblioteca Soukaina abbia fortemente contribuito a migliorare le condizioni di vita della popolazione locale portando il cambiamento in una terra la cui situazione è rimasta immutata nel tempo.