La Finlandia è conosciuta per essere lo stato più alfabetizzato del mondo e vanta il sistema scolastico più avanzato d’Europa. Non è dunque un caso che, in occasione dell’anniversario d’Indipendenza del Paese dalla Russia, sia stata inaugurata a Helsinki una nuova biblioteca; si tratta di  “Oodi” (che in finlandese significa “ode”), un vero e proprio capolavoro architettonico concepito come regalo ai cittadini.

Infatti, il sindaco di Helsinki Jan Vapaavuori ha spiegato:

“Niente meglio di una biblioteca poteva simboleggiare il nostro modo di intendere la nazione, una società aperta, trasparente ed egualitaria che ha come valori l’istruzione continua, la cittadinanza attiva, la libertà di espressione. La democrazia si fonda infatti su un popolo istruito e critico, la dobbiamo difendere”.

Oodi è il frutto di un progetto nato nel 2012 e gli abitanti sono stati subito coinvolti, attraverso richieste e sondaggi, per esprimere le proprie idee su cosa avrebbero voluto trovare nella nuova biblioteca di Stato. Sono stati quindi i cittadini a decidere la distribuzione dei piani, la presenza di aree per studiare, lavorare e persino il nome della biblioteca.

L’edificio si estende per 85.000 mq su tre piani ed è stato progettato dallo studio ALA architects con l’intenzione di dar vita ad uno spazio in grado di ospitare molto più che una semplice biblioteca; si tratta di un centro di aggregazione culturale all’avanguardia dove i cittadini possono trascorre le proprie giornate, imparando e lavorando.
Al piano terra c’è una grande area eventi, un cinema e un bar. Salendo al primo piano ci si trova in uno spazio che potrebbe essere definito Urban Workshop, un luogo dove ci sono gli strumenti più vari per lavorare e creare, messi a completa disposizione dei cittadini: studi di registrazione musicale, sale per videoproiezioni, stampanti 3D, fotocopiatrici,playstation e altri strumenti di lavoro a servizio di chiunque voglia utilizzarli.
Al secondo piano, infine, si trova il “Book Heaven“, il paradiso dei libri: tra gli scaffali (opera del designer italiano Dante Bonuccelli), che offrono una scelta di più di 100.000 volumi, si può lavorare e studiare immersi nel silenzio, godendo anche di una vista meravigliosa sul panorama finlandese.

Grazie al designer nostrano, questa biblioteca parla anche dell’Italia con 351 moduli di librerie italiane disposte proprio all’ultimo piano. Si tratta di oltre 2.800 metri lineari di scaffali in moduli fatti per l’85% di alluminio, nati dalla matita del designer Dante Bonuccelli, personalizzati su disegno dei progettisti e assemblati in loco dagli artigiani di UniFor, azienda del gruppo Molteni con sede a Turate, in provincia di Como.

All’esterno, invece, la biblioteca appare come un lungo edificio color sabbia e dal tetto ondoso, la cui ininterrotta vetrata al piano superiore riflette i colori del cielo, conferendone un aspetto magico e artistico allo stesso tempo.