A Firenze è appena nata una libreria che propone e vende libri come cura per qualsiasi malessere; si tratta della Piccola Farmacia Letteraria situata nel quartiere di Gavinana in via di Ripoli 7/R.

L’idea è sorta dalla mente di Elena Molini che, dopo aver lavorato per numerosi anni all’interno di una grande catena di librerie, ha deciso di avventurarsi in questo progetto al fine di proporre la sua personale visione della lettura considerata come una sorta di “antidoto” per guarire ogni male. Stando alle parole della titolare:

La Piccola Farmacia Letteraria propone soluzioni letterarie per problemi reali. Come in una vera farmacia, i libri hanno infatti un foglietto illustrativo con indicazioni, posologia ed effetti collaterali divisi in più di 60 categorie tra stati d’animo e malanni fisici”.

Elena Molini ha inoltre proposto ai clienti di scrivere loro stessi dei nuovi bugiardini mettendo a disposizione penne e foglietti vuoti da personalizzare qualora si volesse donare un libro.

Nonostante la libreria occupi un piccolo spazio di 40 metri quadri circa, al suo interno è possibile trovare un raffinato catalogo di testi che possono essere ordinati anche telefonicamente o tramite i social network ed essere consegnati direttamente a casa.
ll catalogo che viene proposto è però diverso rispetto a quelli che si trovano comunemente in libreria, poiché in questo caso i libri vengono divisi in molteplici categorie in base alla patologia o al malanno che affligge la persona e che il libro è pronto a curare.

La Piccola Farmacia Letteraria si diverte inoltre a offrire ai propri lettori offerte, promozioni e giochi per incentivare la lettura. Ne è un esempio l’usato garantito, per cui se entro un mese il cliente riporta un libro in ottime condizioni potrà usufruire di sconti su altri testi e il libro vecchio verrà rimesso in vendita con un prezzo inferiore, oppure il gioco dell’oca, secondo cui per ogni libro acquistato ne verranno suggeriti altri tre da cercare tra gli scaffali in base a ciò che è piaciuto di più del libro appena letto (l’autore, l’ambientazione, il genere narrativo ecc.).

Funziona come un algoritmo di quelli che usa Amazon per consigliare altri acquisti, ma questo è fatto da una persona”, spiega la Molini.

Di fianco alla libreria è presente anche un piccolo spazio bar, in collaborazione con la Caffetteria OZ, dove è possibile fermarsi a leggere i libri appena acquistati sorseggiando una tazza di tè o una cioccolata calda.

Elena Molini, con la sua Piccola Farmacia Letteraria, ha dunque voluto divulgare nella mente dei clienti, specialmente dei più ostili e diffidenti, l’idea che un libro possa avere grandi capacità curative, considerazione che è già stata espressa dalla pittrice e insegnante Ella Berthoud insieme alla scrittrice Susan Elderkin con il libro “Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno” (edizione Sellerio 2013) dal quale la Molini ha forse tratto ispirazione.