Tra poco, durante la prima settimana di ottobre, avrà luogo a Toronto la famosa notte bianca, caratterizzata dalla presenza di numerosi artisti che esibiranno i propri progetti per le strade della città. Si tratta di un importante appuntamento per la città canadese, che per una notte verrà illuminata a festa con idee e progetti del tutto innovativi.

L’istallazione che ha catturato la mia attenzione, e che voglio qui riportare ai fini del mio blog, si chiama Literature vs Traffic e risale all’edizione del 2016, quando il collettivo spagnolo di artisti e designer Luzinterruptus riempì di libri una delle vie più trafficate della città, creando una sorta di “fiume del sapere” con libri di qualsiasi tipo posti uno a fianco all’altro.


L’idea di fondo, nata dalla mente dell’artista Camille Hong Xin, consisteva nel fatto che i libri dovessero sostituire le automobili, il frastuono dei clacson e del traffico per riportare pace e quiete sulla strada e restituire spazio e pensiero alle persone, con il fine ultimo di sensibilizzare la gente sul sentito problema del traffico e dello smog.

Gli oltre 10.000 libri, donati da enti pubblici e provati, vennero così illuminati uno ad uno e messi a disposizione di chiunque li volesse; all’alba vi rimasero solo pochi volumi.
L’iniziativa richiese 12 giorni di lavoro ininterrotto e l’ausilio di 50 volontari

Luzinterrumptus, che da anni progetta e realizza installazioni dal grande impatto visivo per sensibilizzare su grandi temi di interesse comune, aveva già realizzato un’istallazione di questo tipo a Madrid nel 2012, e successivamente a New York (seppure in maniera del tutto illegale) e Melbourne.

Che cosa riserverà questa nuova edizione? Per saperne di più potete visitare il sito con il programma ufficiale. Di certo io spero di vedere ancora iniziative di questo tipo, che abbiano i libri come protagonisti!

Commenti