La BooksActually è una libreria indipendente con sede a Singapore che, per promuovere la lettura, ha deciso di collocare dei veri e propri distributori di libri in giro per la città.

 

Si tratta di un’idea innovativa ma non del tutto nuova, tant’è che il primo distributore di libri fu addirittura costruito in Inghilterra nel 1822, dal libraio Richard Carlile, per risolvere il problema della vendita di opere sovversive (come Age of Reason di Thomas Paine) o passibili di censura.
Questo distributore eliminò infatti qualsiasi problema permettendo ai lettori di acquistare i libri criticati senza che Carlile entrasse mai in contatto con i clienti: bastava inserire del denaro all’interno della macchina per acquistare il libro selezionato.

Per l’idea dei suoi distributori la BooksActually ha tratto però origine dal Penguincubator, il primo vero e proprio distributore di libri che apparve a Londra nel 1937 e che aprì la strada a tutti gli altri, offrendo la possibilità di vendere i testi al modico prezzo di un pacchetto di sigarette.Il progetto in questione fu ideato da Allen Lane, il fondatore della casa editrice Penguin Books impegnata nella divulgazione di libri tascabili di qualità ad un prezzo accessibile a tutti. L’obiettivo di Lane era infatti quello di vendere i libri in luoghi non convenzionali come stazioni, biblioteche e strade.

Ma torniamo a parlare della BooksActually, i cui distributori contengono 20/22 titoli diversi sui 150 totali mentre il catalogo dei libri viene aggiornato ogni due, quattro o sei settimane.
Uno di questi distributori è stato posto al National Museum of Singapore, mentre l’altro lo si può trovare presso il centro informazioni Singapore Visitor Centre e proprio in quest’ultimo è possibile trovare non solo libri ma anche DVD e CD musicali.
Ognuna di queste istallazioni è costata quasi 10.000 dollari, essendo entrambe personalizzate da artisti e illustratori locali i quali hanno dato vita a delle vere e proprie opere d’arte realizzate su misura.

Keny Leck, uno dei più importanti dirigenti della BooksActually, ha rilasciato dichiarazioni importanti in merito allo sviluppo dell’iniziativa:

«Non ci sono abbastanza librerie a Singapore e l’installazione di questi distributori automatici è pensato nella logica di incontrare persone, e potenziali lettori, anche in altri luoghi che non siano librerie e biblioteche».

L’obiettivo della libreria  è infatti quello di diffondere i propri distributori il più possibile per accrescere la cultura dei cittadini.

 

 

Commenti