Le Book Boats, letteralmente “le navi del libro“, sono molto diffuse in America, sia nelle scuole dell’infanzia sia nelle scuole primarie.
Si tratta di un’iniziativa di promozione del libro e della lettura realizzata utilizzando semplici contenitori di plastica di vari colori, rivestiti all’interno con gomma piuma e cuscini in modo tale da renderli più accoglienti per i bambini che ne faranno uso.
In questo modo le book boats divengono una vera e propria comfort zone, dando modo ai bambini di godere di momenti di relax immergendosi nella lettura di un buon libro e isolandosi dal resto della classe.

Normalmente ci sono un piccolo numero di contenitori per ogni aula, che vengono assegnati dagli insegnanti a rotazione al fine di incentivare nei bambini la passione per la lettura.
Ad esempio, si può decidere di concederli come premio, oppure impegnare un piccolo gruppo di alunni che ha terminato i compiti assegnati prima del tempo o, ancora, lasciarli nelle mani dei bambini troppo esuberanti, che in questo modo ritrovano la calma e la concentrazione.

Considero le Book Boats un’iniziativa davvero interessante e utile da proporre anche nelle scuole italiane, magari ricavando un piccolo spazio nelle aule con almeno due o tre book boats. Voi cosa ne pensate?

Ringrazio Marcella Vico per le informazioni.

 

Commenti