Il settore delle librerie in Italia non è considerato tra i contesti maggiormente caratterizzati da innovazione e sperimentazione dei format distributivi, ecco perché in mezzo a tutti si distingue la catena di librerie Feltrinelli, che attualmente conta 120 punti vendita totali di cui 13 in franchising.

La molteplicità dei negozi deriva dall’esigenza di ammorbidire il centralismo della catena, che sembra aver spinto Giangiacomo Feltrinelli a strutturare i propri punti vendita secondo una serie di format. Con questo termine s’intende una tipologia di punto vendita pensata in funzione del soddisfacimento di certe esigenze e dell’inserimento in un certo contesto commerciale, tipologia che viene poi applicata ai singoli punti vendita.
Nel concetto di “format” è dunque iscritta un’idea di riconoscibilità nella molteplicità.

I format Feltrinelli sono 8, tra loro completamente diversi e rivolti ad altrettanti profili di clienti:

  • Librerie Feltrinelli: librerie tradizionali, spesso integrate da una proposta di musica classica e jazz;
  • La Feltrinelli Libri e Musica: i megastore multiprodotto;
  • La Feltrinelli Village: negozi multiprodotto situati all’interno di centri commerciali;
  • La Feltrinelli Express: il formato dedicato ai viaggiatori in stazioni e aeroporti;
  • La Feltrinelli Point: il format delle librerie in franchising;
  • RED: il format più recente che unisce libreria, ristorazione e socialità.

A questi formati si aggiungono poi La Feltrinelli International e RicordiMediaStores, rispettivamente con un’offerta specializzata di libri in lingua originale e di musica, home video e games.

Nel corso degli anni le librerie Feltrinelli, oltre a distinguersi dalle altre librerie di catena per la loro struttura e organizzazione, hanno adottato diverse iniziative volte alla promozione del libro e della lettura.