Tra le tante biblioteche mobili che si possono trovare in giro per il mondo, esistono anche delle vere e proprie biblioteche galleggianti; si tratta di imbarcazioni adibite a biblioteca, le quali permettono ai visitatori di consultare e leggere tutti i libri che ospitano, anche se  a volte risulta difficile raggiungerle a nuoto, pertanto è necessario dotarsi di una canoa, un kayak o un pedalò e conoscerne gli spostamenti.
Qui di seguito vi parlerò delle più interessanti “biblioteche galleggianti” che ho rinvenuto durante le mie ricerche.

Fra le tante “Floating Library” che si spostano nei diversi laghi d’America ce n’è una che compare tutti i week end nel Cedar Lake di New York ed è raggiungibile sia in canoa sia a nuoto.
Questa biblioteca è una struttura in legno fatta a mano, attrezzata con circa 80 titoli, soprattutto libri di artisti o scrittori poco conosciuti, non bestseller popolari.
Per evitare che i libri si rovinino a contatto con l’acqua, alcuni di essi sono stati resi impermeabili da chi li ha realizzati, almeno nella loro parte esterna.

Un’altra biblioteca galleggiante si chiama Epos ed è situata sulle coste della Norvegia.
Si tratta di un traghetto che esplora i fiordi e collega le diverse isole del Paese offrendo a tutti i viaggiatori libri da leggere durante la traversata.
L’idea di unire la navigazione alla lettura nacque nel 1959 dall’esigenza di una rete di collegamento per il Paese e fin da subito il primo traghetto fu dotato di diversi volumi donati dalla biblioteca nazionale. L’iniziativa ebbe un immediato successo e nel 1963 venne costruita Epos, con la precisa intenzione di avviare una biblioteca galleggiante.
Epos, oltre ad ospitare all’incirca 6.000 volumi, mette a disposizione di tutti i viaggiatori una sala di lettura con lo scopo di rendere confortevole il viaggio, inoltre vengono organizzate a bordo presentazioni e letture per intrattenere i passeggeri durante la traversata.

Questa iniziativa è diventata un punto di riferimento per la vita culturale norvegese, attraendo sia i turisti sia le persone del luogo. Epos, infatti, naviga da aprile a settembre dividendo il periodo in due tour da 45 giorni, toccando diverse regioni del paese e visitando fino a 150 piccole comunità disperse nella natura nordica.
Epos è dunque un modo per rendere più piacevole il viaggio e promuovere la lettura, circondati dal panorama dei fiordi.

Commenti