Dal 1953 l’arcipelago di Stoccolma è attraversato da una vera e propria floating library che porta più di 3.000 volumi agli isolani, i quali possono comodamente prenderli in prestito senza recarsi sulla terra ferma. 

L’arcipelago svedese comprende isole di tutte le dimensioni, più di 24.000 in totale, molte delle quali sono occupate solamente da scogli e abitate per lo più da villeggianti estivi. Dunque, se si pensa che la Svezia è uno dei paesi europei con il tasso maggiore di libri letti, questa biblioteca galleggiante è diventata una vera e propria istituzione, specialmente per tutti quei ragazzi che frequentano le scuole dell’obbligo sulle isole, per poi andare sulla terraferma per l’istruzione superiore o il lavoro. 

A bordo della Bokbåten è presente un catalogo in costante aggiornamento per poter offrire ai cittadini i titoli più rilevanti a livello nazionale e internazionale. Non appena la nave biblioteca attracca nel porto di un’isola, gli abitanti hanno circa un’ora e mezza per salire a bordo e prendere in prestito i titoli di loro interesse, con l’aiuto di un piccolo staff di bibliotecari volontari. Ogni isola ha la sua tessera bibliotecaria apposita e non ci sono multe per chi restituisce i libri in ritardo. 

A causa del clima rigido della Scandinavia, la Bokbåten non può circolare 365 giorni l’anno; si ferma durante i mesi invernali quando la superficie del mare è troppo ghiacciata per poter navigare. I libri vengono dunque scaricati e immagazzinati nella biblioteca comunale di Norrtälje, in attesa di riprendere il mare nella primavera successiva. 

Commenti